Menu

  • collapseDeutsch (439)
  • collapseEnglish (63)
  • expandEspañol (65)
  • expandFrançais (75)
  • collapseItaliano (33)
  • expandNederlands (28)
  • expandOther Languages (8)
  • expandTürkçe (60)
  • expandРусский (20)

Solidarietà con le lotte delle masse lavoratrici e sfruttate della Bolivia!

Il volantino di ottobr aveva come tema:

Solidarietà con le lotte delle masse lavoratrici e sfruttate della Bolivia!

Solidarietà con le lotte delle masse lavoratrici e sfruttate della Bolivia!
Il volantino di ottobr aveva come tema:
” Per l’ennesima volta in questo anno e ancora più arrabbiate che mai sono entrate in campo le masse lavoratrici e sfruttate in Bolivia in maniera combattiva, militante e in \parte armata. Esse si sono sollevate in tutto il paese contro lo sfruttamento e l’oppressione dell’imperialismo, soprattutto dell’imperialismo statunitense, e le proprie classi dominanti, che gestiscono la svendita delle risorse del paese nell’interesse dei loro dirigenti imperialisti. Dopo lotte durate quattro settimane e gli scontri con polizia e militari, con oltre 70 assassinati, esse sono riuscite ad abbattere il presidente. Ma ora dovrebbe finalmente tornare la “pace e l’ordine”. Ma le masse sfruttate in Bolivia, soprattutto i minatori, hanno una tradizione decennale di lotte militanti e in parte anche annate: Essi hanno anche in passato dimostrato di non lasciarsi distogliere dalla lotta né con il terrore e la persecuzione né con i richiami alla calma dei riformisti o con gli slogan nazionalisti. I lavoratori dello zinco delle miniere, i lavoratori e le lavoratrice delle fabbriche urbane, le contadine e i contadini poveri del passo piano e delle Ande, gli studendtì e le studente, le pensionate e i pensionate impoveriti, le abitante e gli abitanti delle quartiere delle poveri – tutti questi gruppe sono uniti nella lotta ant ¿imperial is tica contro sfruttamento ed oppressione da parte del imperialismo, ma anche come Aymara e Quetchua la lotta commune contro la oppressione nazionale e la discriminazione. “(…)

Comments are closed.